« Mai 1977 | Philippe Jaccottet, La Semaison | Accueil | Stéphane Crémer | Lignes d’eau »

29 mai 2010

Commentaires


Autore non facile da tradurre O'Hara. Faccio un paio di esempi : "green" credo che sia da intendere come "giovanissima" (slang americano); Horned Gates è un chiaro riferimento all'Odissea, dove le Porte dei sogni sono di corno (sogni veritieri) e di avorio (sogni falsi). Insomma un autore impegnativo, con molti riferimenti culturali, allusioni, ecc.
un caro saluto ad Angèle



Caro Giacomo,

Sono d'accordo con te: O'Hara è "un autore impegnativo", molto. Per dirti il vero del mio pensiero, non sono stata convinta dalla traduzione francese. Anche in questo poema.
Il riferimento all'Odissea (Canto XIX) non mi aveva scappato. E sono stata veramente sorpresa da queste "barrières cornues", che oltre il fatto che non rendono la polisemia dell'imagine, mi sembrano brutte. Ho subito pensato a Nerval con l'apertura di Aurélia : "les portes d'ivoire et de corne"... forse ispirate da Omero.
Per quanto è del "green", c'è anche l'allusione precisa al film The Corn is Green (con Bette Davis) sul quale abbiamo fatto il legame. « Corn » che si trova anche nel titolo del poema. Per gli Americani, « green » (tra altre significazioni possibili) is « money ». In Francia, si dice « blé » (= grano).

Un caro saluto a te,

Buona domenica

Angèle


L'utilisation des commentaires est désactivée pour cette note.