« 20 mai | Michel Butor, L’Emploi du temps | Accueil | Maram Al-Masri | Un furesteru mi feghja »

21 mai 2007

Commentaires

Si trova qui, molto raramente nelle zone più basse, più sovente man mano che si sale, una pietra limpida e di un’estrema durezza, sferica e di grossezza variabile – un vero cristallo, ma, caso straordinario e sconosciuto nel resto del pianeta, un cristallo curvo! è chiamato nella lingua di Porto-delle-Scimmie, peradam. [...]. Potrebbe significare “più puro del diamante”, e lo è; oppure “padre del diamante”, e si dice infatti che il diamante sia il prodotto della degenerazione del peradam per una sorta di quadratura del cerchio, o più esattamente di cubatura della sfera; oppure la parola potrebbe significare “la pietra di Adamo”, avendo qualche segreta e profonda connivenza con la natura originale dell’uomo.

(Daumal, Il monte analogo)

L'utilisation des commentaires est désactivée pour cette note.