« René Char | Dame qui vive, c’est elle | Accueil | Robert Desnos | Mi-route »

09 octobre 2005

Commentaires

Quand je vais écraser sous un tas de soucis, de travail, de malaise...
je m'arrête un moment et j'essaie de me voir d'...au dehors: c'est juste à ce moment-là que je commence à "me soigner", à me dédier à moi-même...
sauf, un moment après, plonger à nouveau dans le tas de soucis, de travail, mais, moins de malaise.
C'est un coup de fouet d'énergie.
bisous.

Cara,
Spesso, quando uno si guarda da fuori non può più prendersi sul serio. Si guarda e poi guarda gli altri. Allora trova che c'è da ridere. Siamo tutti un pò buffoni, un pò assurdi, sempre correndo dietro il tempo, dietro il denaro, dietro tante inutili occupazioni. Difficile trovarsi, difficile trovare il modo di trovarsi. Qualche volta crediamo di aver finalmente trovato qualcosa di giusto, di vero, di autentico. Lo crediamo per un attimo, poi tutto cambia e smariamo di nuovo il camino. Tutto è da ricominciare. Fortunatamente c'è l'amicizia, la creazione, la musica, l'arte e l'amore. Andiamo insieme ad ascoltare della bella musica, dai, andiamo,
Amicizia,
Angèle

L'utilisation des commentaires est désactivée pour cette note.