« Marie-Ange Sebasti | Notre héritage n’est pas forteresse | Accueil | 2 mars 1956/Proclamation de l’indépendance du Maroc »

01 mars 2005

Commentaires

Ci-dessous, le texte original du poème de la revue Po&sie :

"Non ho voce, né canto
ma una lingua intrecciata di paglia
una lingua di corda e sale chiuso nel pugno
e fitto in ogni fessura
nel cancello di casa che batte sul tumulo duro dell'alba
dal buio al buio
per chi resta, per chi ruota."

Conosco la poetessa Antonella Anedda da alcuni anni e, senza campanilismo*, mi sento di affermare che è una delle voci più alte della poesia italiana contemporanea.

*anch'io sono sarda


Grazie per il suo commento. Mi fa molto piacere di accogliere sul mio sito un'altra isolana. Lei conosce personalmente Antonella Anedda ?
L'ho scoperta grazie ad un'altra poetessa di Corsica, Marie-Ange Sebasti. Lei potrà leggerla sul mio blog se lei conosce un pocchino il francese.
Amicizia
Anghjula


Dans le numéro d’automne (sortie en octobre) de la revue Rehauts (24 rue du Bas, 62180 Airon-Notre Dame / 105, rue Mouffetard, 75005 Paris), revue animée par Jean-Pierre Chevais, Hélène Durdilly et Jacques Lèbre, sont proposés des extraits de Dal balcone del corpo/Du balcon du corps (Mondadori, Collection Lo specchio, Milan, 2007) de Antonella Anedda. Par ailleurs, le prochain numéro de la revue Europe (novembre 2007) publiera une traduction française inédite (par Jean-Baptiste Para) des derniers chapitres de La luce delle cose. Immagini e parole nella notte (Feltrinelli, 2000)

L'utilisation des commentaires est désactivée pour cette note.